Per offrire una migliore esperienza di navigazione, questo sito usa cookie anche di terze parti.

Comunicati Stampa

Lamezia Terme, consegnati i lavori per la costruzione della nuova rotatoria su via del Progresso

30 Maggio 2011 Visite: 3563
Stampa Email

CATANZARO – 30 MAG 2011 – Sono stati consegnati questo pomeriggio a Lamezia Terme, in prossimità del cavalcavia del bivio Panarello, i lavori che riguarderanno la costruzione della nuova rotatoria lungo via del Progresso. Il progetto, redatto e finanziato dall’Amministrazione provinciale di Catanzaro, rinnoverà completamente la Sp 86, denominata appunto “via del Progresso”, che collega la S.S. 280 “dei Due Mari” al centro abitato di Lamezia Terme e rappresenta la principale porta d’ingresso della città.

Alla consegna dei lavori, insieme al presidente della Provincia di Catanzaro Wanda Ferro, erano presenti il vice presidente Maurizio Vento, il presidente del Consiglio provinciale Peppino Ruberto, il presidente della Commissione Lavori Pubblici della Provincia Gianpaolo Bevilacqua, il consigliere provinciale nonché nuovo sindaco di Feroleto, Pietro Fazio, il consigliere provinciale Mario Benincasa, il consigliere regionale on. Mario Magno e, in rappresentanza del Comune di Lamezia Terme, l’assessore ai Lavori pubblici on. Franco Amendola, oltre ai tecnici del Settore Viabilità Lametino diretto dall’ing. Eugenio Costanzo, al progettista esterno ing. Pietro Fragale, e ai rappresentanti della ditta appaltatrice.

L’intervento più complesso riguarda la completa rimodulazione del tratto finale e la ricostruzione del ponte esistente sul torrente Canne ricadente all’intersezione tra la Sp 86 e la Sp 109. L’area è situata nella zona bassa del territorio comunale lametino e collega la zona urbana della città con la zona extraurbana. Il tratto stradale oggetto d’intervento è ad alta densità di traffico veicolare, poiché costituisce l’arteria principale che collega i due comuni vicini Feroleto Antico e Pianopoli oltre che i comuni limitrofi.

Lungo via del Progresso, infatti, negli ultimi decenni sono sorti una serie di fabbricati nuovi e insediamenti produttivi che indicano che tale zona, che rappresenta l’ingresso principale della città, è in continua evoluzione. Gli interventi perseguiranno l’obiettivo di mettere in sicurezza il tratto stradale interessato e in particolare i problemi legati alla scarsa visibilità del tratto stradale a ridosso della struttura del cavalcavia, che non permette di scorgere i veicoli che sopraggiungono all’incrocio. Si risolverà pure la problematica legata alla limitata larghezza del ponte sul torrente Canne sulla Sp 109 che porta verso il Comune di Pianopoli, realizzato in tempi remoti, che non consente il passaggio di due veicoli contemporaneamente.

L’intervento dovrebbe inoltre contribuire a risolvere il problema dalla scarsa sicurezza per i pedoni che frequentano la zona.  Nel dettaglio, il progetto prevede innanzitutto la demolizione del cavalcavia esistente e la realizzazione di una rotatoria di diametro pari a 45 metri. Assieme alla rotatoria sono state progettate le corsie d’ingresso e di uscita, con adeguate banchine laterali e isole divisionali, e due corsie complanari che permetteranno di accedere alle attività esistenti e alle proprietà che sorgono ai lati del tratto stradale. E’ stata pure prevista la realizzazione di marciapiedi.

Il progetto prevede quindi la demolizione del ponte esistente e realizzazione di un nuovo ponte più largo e funzionale.   L’importo dell’opera, che sarà eseguita in 8 mesi dall’impresa I.C.O.P. S.r.l., è di oltre un milione di euro, di cui 837 mila euro per lavori.

In generale, le scelte progettuali sono ispirate principalmente ai criteri di riduzione dell’impatto ambientale, di compatibilità architettonica e urbanistica con il contesto in cui s’inserisce l’intervento, di adeguata funzionalità e di un idoneo grado di sicurezza.

“L’Amministrazione provinciale di Catanzaro – ha spiegato il presidente Wanda Ferro parlando con i giornalisti – prosegue nell’opera di riqualificazione del territorio privilegiando una politica compatibile con le mutate esigenze dell’utenza. Le scelte progettuali sono ispirate principalmente ai criteri di riduzione dell’impatto ambientale, di compatibilità architettonica e urbanistica con il contesto in cui s’inserisce l’intervento, di adeguata funzionalità e di un idoneo grado di sicurezza”. Il presidente Ferro ha quindi ricordato che “contestualmente inizieranno i lavori di un altro intervento, già in corso perché consegnato con i fondi FAS, che consentirà la sistemazione e messa in sicurezza della piattaforma stradale per il completo ripristino di tutta via del Progresso di competenza provinciale”.

Nello specifico, l’intervento attuato con i fondi Fas, per un ammontare di 340 mila euro, riguarda la demolizione e la completa ricostruzione di tutto il pacchetto stradale, con notevole aumento della portanza, che sarà adeguata ai futuri aumenti di traffico. Si completerà l’intervento con un tappetino stradale modificato che consentirà anche in caso di pioggia un transito in assoluta sicurezza. Questo intervento ha lo scopo di aumentare le condizioni di sicurezza della circolazione.

Il presidente Ferro ha quindi ringraziato i tecnici del Settore Viabilità Lametino dell’Ente, i progettisti, i cantonieri “che - ha detto - rappresentano un’autentica risorsa per l’Ente in termini di esperienza, professionalità e conoscenza del territorio”.  Il presidente Ferro ha quindi ringraziato la delegazione dei consiglieri e degli assessori provinciali dell’area lametina, “sempre attenti e impegnati nella risoluzione delle problematiche che riguardano il territorio della Piana, e che rappresentano un continuo stimolo per l’attività di un’Amministrazione provinciale che vuole guardare alla crescita e allo sviluppo organico dell’intero territorio”.

Social