Per offrire una migliore esperienza di navigazione, questo sito usa cookie anche di terze parti.

Comunicati Stampa

Il presidente Ferro sul progetto di attentato al pm Luberto

12 Giugno 2011 Visite: 3324
Stampa Email

CATANZARO – 12 GIU 2011 – Il presidente della Provincia di Catanzaro Wanda Ferro, esprime “sconcerto e preoccupazione per la notizia del progetto di attentato ai danni del magistrato della Dda di Catanzaro, Vincenzo Luberto”. “La criminalità organizzata, duramente colpita dal lavoro serio e instancabile di magistrati come il dott. Luberto, reagisce nella maniera più feroce e brutale, arrivando a pianificare l’eliminazione fisica di quei Servitori dello Stato che non sono disposti a cedere terreno nella battaglia a difesa della giustizia e della legalità. Una battaglia che va sostenuta e resa più forte con la partecipazione della società sana calabrese – cittadini, forze sociali e politiche -, ma soprattutto con l’impegno delle istituzioni a tutti i livelli. Il coro della solidarietà non basta. Occorre sostenere concretamente, con un impegno straordinario del Governo, gli sforzi della magistratura e delle forze dell’ordine, il cui lavoro quotidiano in Calabria è costretto a fare i conti con gravi carenze di organico ed una pesante insufficienza delle dotazioni strumentali necessarie alle attività investigative e operative. L’appello lanciato nei giorni scorsi dal procuratore aggiunto della Dda di Catanzaro, Giuseppe Borrelli, non può lasciarci indifferenti. Per questo rinnovo il mio invito, già pubblicamente rivolto al ministro della Giustizia Angelino Alfano durante la sua recente visita a Catanzaro, a dedicare un’attenzione prioritaria alle strutture giudiziarie calabresi, impegnandosi in particolare a risolvere la situazione di autentica emergenza in cui versa la Procura antimafia di Catanzaro, impegnata in una difficile e delicata azione di contrasto alle più pericolose organizzazioni criminali della regione. Sono certa che è questo il modo migliore di dimostrare solidarietà e vicinanza al dott. Luberto e a tutta la Magistratura calabrese”.

 

Social