Per offrire una migliore esperienza di navigazione, questo sito usa cookie anche di terze parti.

News dalla Provincia

VIA LIBERA DEL CONSIGLIO ALL’ADOZIONE DELLO SCHEMA DI BILANCIO DI PREVISIONE PER L’ESERCIZIO FINANZIARIO DELL’ANNO 2016

Stampa Email
11 Ottobre 2016
11 Ottobre 2016
Visite: 121

Via libera all’adozione dello schema di bilancio di previsione per l’esercizio finanziario dell’anno 2016 e pluriennale 2017-2018 della Provincia di Catanzaro. Il consiglio provinciale guidato dal presidente dell’Ente intermedio Enzo Bruno, ha approvato il bilancio di previsione, che tornerà in aula il 21 ottobre per l’ok definitivo dopo il parere non vincolante dell’assemblea dei sindaci – con dieci voti favorevoli e uno contrario (quello di Antonio Montuoro). Un bilancio che viene definito “tecnico” e che consentirà il mantenimento di una elevata qualità nei servizi prima di tutto nelle funzioni principale affidate alla nuova Provincia dalla riforma del sistema degli enti locali, vale a dire viabilità ed edilizia scolastica.

“Quella di oggi è una seduta molto importante che aspettavamo da mesi di poter convocare e svolgere – ha esordito il presidente Bruno ringraziando prima di tutto il dirigente del settore Ragioneria, il dottor Pino Canino -. L’approvazione dello schema del bilancio di previsione non era affatto scontata, viste le condizioni in cui ci siamo trovati ad operare fino a qualche mese fa. Una partita delicatissima quella che ha giocato l’Upi regionale, che mi onoro di guidare, al confronto proficuo con il Governo. Abbiamo lavorato con determinazione e caparbietà per consentire alle Province calabresi di poter chiudere i bilanci e così garantire i servizi ai cittadini”. Ammontano, infatti, a dodici milioni di euro le risorse recuperate per scongiurare il rischio default che si era profilato nei mesi scorsi, dopo l’approvazione del Decreto Enti locali 113/2016 che aveva previsto 55 milioni di euro di tagli per le quattro Province calabresi. Una situazione finanziaria, quella delle Province in via di trasformazione, che ha rischiato di mettere in discussione servizi e stabilità dei dipendenti: basta ricordare che l’Ente intermedio di Catanzaro ha visto diminuire l’erogazione di risorse di 40 milioni di euro dal 2012 ad oggi; 26 milioni di tagli sono registrati solo nel 2016. “Ma abbiamo fatto uno sforzo immane che ci è stato riconosciuto a livello nazionale nell’interesse esclusivo dei nostri territori – ha detto ancora il presidente – e oggi siamo nelle condizioni di approvare un bilancio tecnico, non politico, che ci consentirà di garantire una elevata qualità di servizi nelle funzioni di competenza, edilizia scolastica e viabilità, dando risposte anche nei settori collegati alle funzioni residuali. Con l’approvazione dello schema di bilancio di oggi iniziamo l’iter che si concluderà il 21 ottobre, dopo l’assemblea dei sindaci che saranno chiamati a dare il proprio parere non vincolante e quindi l’approvazione definitiva dell’importante documento finanziario. Per questo non saluto oggi i consiglieri provinciali che mi hanno affiancato in questo percorso di collaborazione istituzionale. Un’azione sinergica che ci ha consentito di perseguire risultati importanti che vanno dal mantenimento dei servizi alla conferma dei livelli occupazionali per i dipendenti, garantendo non solo il pagamento degli stipendi ma anche del salario accessorio. Ma anche gestire funzioni trasferite alla Regione che però la Provincia ha la struttura adatta a garantire, come il trasporto scolastico per gli studenti diversamente abili e alla gestione degli impianti sportivi: proprio in queste ore, dopo la delega avuta nei giorni scorsi, stiamo predisponendo il bando per l’affidamento della gestione scaduto luglio, mentre per quanto riguarda il trasporto dei studenti disabili stiamo trasferendo le risorse ottenute a comuni e dirigenti scolastici”. “Saremo in grado di intervenire in maniera adeguata sulla manutenzione delle strade, la rete viaria catanzarese resta tra le più efficienti e sicure, abbiamo già predisposto il servizio per fare fronte alla neve, e per garantire la sicurezza degli edifici scolastici, dove garantiremo i riscaldamenti e interventi straordinari come quelli che si sono determinati a Lamezia nei giorni scorsi a causa del maltempo: sono già pronte le schede per il provvedimento d’urgenza finalizzato alla sistemazione dell’Istituto per Geometri – spiega ancora il presidente della Provincia - il cui tetto è stato danneggiato dalla tromba d’aria. Anche con il Comune di Lamezia abbiamo mantenuto buoni rapporti istituzionali e infatti voglio ringraziare il sindaco Paolo Mascaro. Insomma, conclude il presidente Enzo Bruno: “Un Ente snello ed efficiente, che ha saputo creare ottimi rapporti con tutti i territori e con le altre istituzioni ed è pronto ad affrontare trasformazione in Area Vasta”. Via libera, con il voto positivo di tutti i consiglieri in aula, alle altre pratiche vale a dire la richiesta di variante alla complanare Ovest per la realizzazione degli accessi alla Strada provinciale 48 a servizio della stazione di rifornimento Esso¸ l’approvazione dello schema di convenzione per l’affidamento del servizio di tesoreria della Provincia di Catanzaro e 26 relative a prese d’atto, adempimenti consequenziali di sentenze e atti di citazioni.

IL DIBATTITO ALL’APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BILANCIO E DELLE ALTRE PRATICHE

L’unico voto negativo al bilancio di previsione al primo esame dell’aula Ferrara è quello del consigliere Antonio Montuoro, che si è detto “sempre più convinto del dissenso già espresso alla riforma Delrio che di fatto destina questo Ente, che è sempre stato efficiente, alla cancellazione a causa di entrate ridotte al lumicino. A pagarne le conseguenze – dice ancora Montuoro saranno sempre i cittadini”. Un voto contrario dettato anche dal fatto che la commissione competente non ha potuto analizzare “il Piano triennale delle opere pubbliche, destinato a rimanere per gran parte il libro dei sogni perché non ci sono le risorse per renderlo operativo. Voto contrario perché non condivido l’operato di questa Riforma. E poi resto coerente con il percorso intrapreso, quello di unico consigliere d’opposizione”. “Siamo riusciti ad avere minimo sindacale per rispettare parametri fondamentali nell’interesse dei cittadini che potranno contare sul mantenimento dei servizi - afferma il presidente della commissione Bilancio, il consigliere Davide Zicchinella -. Un risultato che in questo momento difficile non era affatto scontato. C’è da registrare che le difficoltà sono state determinate anche da quello che è stato un mero calcolo ragionieristico: la Provincia ha avuto a disposizione meno risorse a causa della riduzione delle funzioni, ma di fatto ha mantenuto i servizi anche per le funzioni residuali senza ricevere i corrispettivi. Non c’è spazio per la fantasia – conclude Zicchinella - consegneremo alla nuova consiliatura un ente a posto, con una dotazione finanziaria adeguata per dare risposte ai territori”. Un ringraziamento per la fiducia e il lavoro di questi due anni al presidente Bruno arriva dal consigliere, delegato alla Viabilità, Francesco Mauro. “Capisco la scelta politica di Montuoro di non votare il bilancio perché contrario ad una legge nazionale, ma va ha riconosciuto che l’Ente sta attraversando un momento amministrativo difficile: amministrare con questi tagli non sarà facile – dice ancora Mauro – Mi sono occupato di viabilità con un approccio responsabile e collegiale rispetto a questo settore. C’è da segnalare che, nel massimo rispetto delle istanze di tutto il territorio, e quindi senza preferenze con una equa distribuzione, nel catanzarese, nel lametino e nel soveratese sono stati investiti oltre dieci milioni di euro nel 2015, e nel 2016 poco più di quattro milioni e mezzo. La Provincia ha un ruolo di sostegno molto importante per i piccoli comuni, ed è proprio questa considerazione della collaborazione istituzionale tra il presidente e i consiglieri nell’interesse del territorio che mi ha spinto a candidarmi nella lista del presidente pur non essendo né di centrosinistra né di centrodestra”. A relazionare sulla terza pratica all’ordine del giorno, invece il presidente della seconda commissione, Riccardo Bruno. La richiesta di variante alla complanare ovest per la realizzazione degli accessi alla Strada provinciale 48, infatti, tiene conto delle difficoltà di alcune aziende che risultano penalizzate dalla costruzione della strada a scorrimento veloce. Come ha anche rimarcato il presidente Bruno, “l’Ente Provincia è stato molto sensibile alle istanze delle aziende in questo momento economico particolarmente difficile. Non venire incontro alle esigenze di questa impresa, che necessita di un accesso alla strada, avrebbe voluto dire mandare a casa decine di padri di famiglia”. Un intervento, spiega ancora Riccardo Bruno che “opera in compensazione rispetto alla superficie ceduta e un miglioramento nella realizzazione dell’opera”. Approvata all’unanimità anche la richiesta di variante, il consiglio provinciale ha dato il via libera anche allo schema di convenzione per l’affidamento del servizio di tesoreria su cui ha relazionato il dirigente del settore Finanziario, Pino Canino. Prima dell’approvazione delle prese d’atto delle sentenze passate in giudicato, il consigliere Zicchinella ha voluto specificare che le 26 pratiche in questione sono state tutte verificate in commissione e per le stesse è stata acquisita l’adeguata copertura finanziaria.

 

Ultima modifica il Martedì, 11 Ottobre 2016 13:48

La Provincia di Catanzaro potrà garantire il servizio di trasporto e l’assistenza specialistica agli studenti diversamente abili degli istituti superiori

Stampa Email
06 Ottobre 2016
06 Ottobre 2016
Visite: 138

La Provincia di Catanzaro potrà garantire il servizio di trasporto e l’assistenza specialistica agli studenti diversamente abili degli istituti superiori di competenza dell’Ente intermedio. Una annosa vertenza che ha trovato una soluzione positiva anche grazie all’impegno del presidente Enzo Bruno che ne ha colto la portata e la valenza sociale. Il presidente della Provincia di Catanzaro si è impegnato per porre fine ad una delle tante problematiche determinate in seguito all’entrata in vigore dalla legge di riordino degli enti locali, la cosiddetta riforma Delrio, che in questo caso andava a gravare sul diritto allo studio di tanti studenti, creando disagio a decine di alunni e alle loro famiglie.

Con decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 30 agosto 2016, alla Regione Calabria è stato assegnato un contributo di 2.143.888,76 euro per “il trasporto scolastico di alunni disabili, assistenza specialistica per l’autonomia e la comunicazione degli alunni con disabilità fisiche o sensoriali”. La somma destinata alla Provincia di Catanzaro è di 239.630 euro. Il presidente Bruno ha riaffermato la piena disponibilità della Provincia di Catanzaro, quale Ente strutturato e capace di assolvere la funzione, di garantire il servizio di trasporto in accordo con i dirigenti

scolastici interessati, che avranno la garanzia dell’erogazione del servizio di trasporto e assistenza come prima dell’entrata in vigore della legge di riforma del sistema delle autonomie locali.

La soluzione, per la quale il presidente Enzo Bruno si è attivamente impegnato, pone fine quindi ad uno dei tanti problemi sorti in seguito già citata riforma Delrio, che – come ribadito in più occasioni dallo stesso Bruno nella veste di presidente regionale dell’Upi - per avere piene attuazione necessita di una legge regionale che definisca sia la territorialità delle nuove Aree vaste, che le materie e le risorse economiche di tutte quelle competenze e funzioni prima in capo alle Province e oggi trasferite alla Regione (dal mercato del lavoro, alla cultura, al tempo libero, alla polizia provinciale, eccetera).

Ultima modifica il Giovedì, 06 Ottobre 2016 12:27

Avviso Mobilità

Stampa Email
23 Settembre 2016
23 Settembre 2016
Visite: 660

Comune di Montepaone


Comunicazione copertura posto Istruttore Direttivo Contabile 

  Avviso


Ultima modifica il Giovedì, 29 Settembre 2016 10:37

Settempre al Parco 2016, con i Nomadi chiusura con il botto

Stampa Email
19 Settembre 2016
19 Settembre 2016
Visite: 111

 

 

Una distesa di entusiasmo e passione per un gruppo che ha fatto la storia della musica italiana e si rinnova nella tradizione, appassionando in un unico abbraccio generazioni diverse. E i “Nomadi”, la band più longeva del panorama musicale italiano, manda in delirio decine di migliaia di persone arrivate a Catanzaro da tutto il Sud Italia, in particolare da Sicilia, Basilicata e Puglia. Difficile registrare le presenze dell’ultima serata della edizione numero X di “Settembre al Parco – NaturArt”, la manifestazione organizzata dall’Amministrazione provinciale di Catanzaro, guidata dal presidente Enzo Bruno, con il principale obiettivo di valorizzare ulteriormente la straordinaria struttura naturalistica e culturale che pulsa nella città Capoluogo di Regione. Alla fine, per la chiusura della kermesse iniziata mercoledì 14 settembre, si contano circa 30 mila persone: è questa la cifra a cui si ferma il sistema di rilevamento delle presenze varato dalla EsseEmme Musica del promoter Maurizio Senese che ieri sera ha distribuito 25 mila tagliandi già molto prima dell’inizio del concerto, mentre i fan e gli estimatori dei Nomadi hanno continuato a riempire ogni angolo del Parco – dalla spianata dell’Anfiteatro alle collinette antistante – per tutta la sera. Al di là dei numeri, il risultato è soddisfacente: il Parco e i tanti cittadini che lo amano hanno goduto delle sue bellezze naturalistiche e culturali, avendo la possibilità di scoprire angoli nascosti, aspetti legati alla fruizione o all’ambiente poco conosciuti, sono stati protagonisti in una simbiosi identitaria che non può che potenziarne il valore.

Da “Gli aironi neri” a “La canzone del bambino nel vento (Auschwitz)”, da “Un pugno di sabbia” a fino a “Ho difeso il mio amore”, “Ma che film la vita”, “Canzone per un’amica”, “Dio è morto”, “Io vagabondo” e molti altri successi, i Nomadi tengono il palco coccolando il pubblico, rendendolo protagonista e ricambiando il grande amore dimostrato anche in questa occasione. I Nomadi, la band più longeva del panorama musicale italiano, vengono fondati nel 1963, da Beppe Carletti e Augusto Daolio, in un periodo in cui nascevano, a ritmo frequentissimo, centinaia di gruppi musicali, accomunati dalla voglia di esprimere sensazioni, pensieri ed insoddisfazioni dei giovani della nuova generazione, la prima del dopoguerra.Sul palco Beppe Carletti (tastiere/keyboard), Cico Falzone (chitarre/guitar), Daniele Campani (batteria/drums), Massimo Vecchi (basso e voci/bass and vocals), Sergio Reggioli (violino, percussioni e voci/violin, percussion and vocals), Cristiano Turato (voce/vocals). L’album “Così sia - XXIV Tributo ad Augusto", è un doppio live pubblicato quest’anno daiNomadi. Venti canzoni più un inedito, "Così sia", interpretato dall’attuale formazione del gruppo. I brani dal vivo sono stati registrati a Novellara il 20 e 21 febbraio 2016, in occasione dell'ormai tradizionale raduno annuale della band con i suoi fan, diventati ormai una grande famiglia, raduno che diventa sempre una grande festa in memoria del fondatore Daolio, scomparso nel 1992.

Anche ai Nomadi va il “Pitagora d’argento”, realizzato dal maestro orafo Michele Affidato che ieri sera ha portato personalmente l’opera, donata poi dal presidente Bruno, assistendo al concerto presentato dalla giornalista Rossella Galati. Il presidente Bruno, affiancato dal vice presidente Marziale Battaglia, dai consiglieri provinciali Marco Polimeni, Gianfranco De Vito ed Emilio Verrengia, dalla direttrice del Parco Rosetta Alberto, ha voluto ringraziare ancora una volta quanti si sono adoperati per organizzare “Settembre al Parco 2016”, “registrando un grande successo di pubblico: andiamo oltre le 50 mila presenze nei cinque giorni. Un sentito ringraziamento ai consiglieri provinciali, alle tante associazioni che hanno collaborato, ai ragazza del servizio civile, e agli sponsor privati (Banco Di Napoli, Web genesys e FederFarma Catanzaro) che hanno reso possibile le realizzazione degli eventi culturali e musicali rafforzando il fondamentale contributo della Regione Calabria che ha finanziato la kermesse con i fondi Pac riservati agli eventi storicizzati. E soprattutto a voi che lo avete popolato e animato rendendovi protagonisti: ci avete aiutato dimostrare che il Parco sa essere accogliente, ed è una delle più belle strutture d’Italia. L’appello che rivolgo ancora una volta è di sostenere la Provincia nella tutela del suo patrimonio artistico e naturalistico perché il Parco è di tutti. Appuntamento al prossimo anno”.

Ultima modifica il Lunedì, 19 Settembre 2016 14:22

Inaugurata la X edizione di Settembre al Parco, il festival dell'ambiente

Stampa Email
14 Settembre 2016
14 Settembre 2016
Visite: 116

 

L’auspicio è che i bambini e le loro famiglie diventino “custodi dei parchi” restituiti, riqualificati e ristrutturati, in veste rinnovata alla città di Catanzaro. Attenti custodi all’insegna di un senso civico che stimoli il senso di responsabilità che serve a preservare e valorizzare tutto il Parco della Biodiversità mediterranea, patrimonio naturalistico e culturale di tutti. E’ con questo messaggio che si apre la X Edizione di “Settembre al Parco - NaturArt: suoni, voci e forme della natura”, il cui obiettivo è promuovere il rispetto della natura, favorirne la sua fruizione culturale attraverso i cinque sensi partendo proprio dal Parco, e dal rafforzamento della sua identità di “bene comune”. E’ quanto ha voluto sottolineare il presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno, nell’aprire simbolicamente il cancello del Parco alla nuova edizione, alla presenza delle autorità civili e militari, tra le quali il prefetto di Catanzaro Luisa Latella e il sindaco Sergio Abramo. Riconsegnati ai bambini il Parco dei Folletti e del Castello, dopo la ristrutturazione degli impianti che hanno visto la sostituzione della maggior della struttura in legno e la pitturazione, i giochi sono stati subito “presi d’assalto” dalla gioia e dall’entusiasmo dei più piccoli. “Ci affidiamo ancora una volta al senso di responsabilità di grandi e più piccoli nel preservare questo patrimonio che è di tutti – ha detto il presidente della Provincia -. Qualora fossero nuovamente danneggiati, ecco il motivo per cui sono stati chiusi tanto tempo, non potremmo continuare a spendere risorse per riparare danni causati dall’inciviltà diffusa, significa purtroppo sottrarre fondi che potrebbero essere invece destinati ad incrementale i servizi e aumentale la qualità di quelli esistenti”. Dopo l’inaugurazione dei Parchi giochi, il presidente, le autorità e tanti cittadini hanno potuto visitare la complessa organizzazione di mostre e laboratori allestiti nell’ambito di questa edizione: dalla sezione “Le stanze verdi”, nel giardino all’italiana, alla sezione Photovoice, nel parco delle giovani idee, fino alle esposizioni fotografiche e di arti grafiche connesse alla natura (Sezione “Photovoice”). Il presidente e i suoi ospiti hanno toccato con mano la possibilità di fruire in maniera diversa i giardini dove sono a disposizione piante con la finalità di educare alla cultura ambientale con annessi laboratori (botanica, decorazione floreale nella sezione “Le stanze verdi”) e laboratori creativi e didattici per bambini e adulti (Sezione “Dai senso a quello che hai”).

Le bellezze culturali e naturalistiche del Parco saranno ‘presentate’ da Ciceroni d’eccezione: si tratta degli studenti del liceo Classico “Galluppi” che si sono formati per condurre le visite guidate al Parco internazionale della scultura (si parte dal Gazebo di parco dell’alloro dalle 15 alle 19). Le “Stanze verdi”, nei giardini all’italiana, sono dedicati alla fruizione tematica – attraverso i cinque sensi – finalizzata ad educare alla cultura ambientale e a rievocare l’identità dei territori, con annessi ai laboratori didattici e di formazione. (le stanze sono denominate: della salute; La stanza delle idee; Intrecci nella stanza; Biodiversità in scena La stanza dei fermenti). I laboratori creativi e didattici per bambini e adulti riguardano i cinque sensi per attivare percorsi multisensoriali mirati ad una migliore fruizione del patrimonio ambientale, naturalistico ed artistico anche da parte di soggetti diversamente abili.

Il programma della serata ha previsto anche la Proiezione del film “Le quattro volte”. Film coprodotto da Italia, Germania e Svizzera. Racconto di un piccolo paese della Calabria, un posto dove il tempo si è fermato, una visione poetica sui cicli della vita e della natura, sul rispetto dell’uomo e delle tradizioni. Nel film, quattro vite si intersecano misteriosamente: Il pastore, le capre, l’albero, il carbone. La proiezione rientra nella rassegna cinematografica di film sulle tematiche ambientali per sensibilizzare il pubblico, attraverso lo strumento culturale “cinema” e dargli spunti di riflessione e informazione sull’importanza del bene “Ambiente”. A cura dell’associazione “Cineteca della Calabria” di Catanzaro.

Al Parco delle giovani idee e della legalità, molto apprezzata la mostra “Mana ji e le Persephoni di Bova”. Installazione di Marina Ceravolo, Fotografie di Carlo Elia e Sergio Ferraro, allestimento di Luigi Briglia. Gli scarazzi delle Serre. Fotografie di Luigi Briglia, allestimento di Marina Ceravolo e Luigi Briglia.

E domani alle 22 sarà la volta del concerto di Roberto Vecchioni.

Sezione “Suoni del parco

Parco della Biodiversità di Catanzaro (Spianata dell’Anfiteatro)

Giornata introduttiva dedicata a piccoli e grandi talenti locali. A cura di ANNOZERO, GRAZIA FASANELLA, NEW JUST DANCE.

Parco della Biodiversità di Catanzaro (Anfiteatro)

Ore 17.30 Fiabe nel parco: Alastò…… storia di un cardellino” 

Ore 18.30 “Ballare è un’arte”. Percorso musicale e coreografico

Ore 20.00 Tango & Passione per il vino Festival: lezione aperte primi passi di Tango

Ore 21.30 “A spasso nel magico mondo di Miss Grace: Ludò il ragazzo che cercava la fantasia

Ore 22.30 Tango & Passione per il vino Festival: esibizione tanghèri in abiti da scena

La manifestazione di quest’anno si configura come “Festival dell’ambiente e della natura” Ricordiamo i tanti servizi messi a supporto della fruizione per tutti i cittadini e tutte le fasce d’età:

Baby parking: viene offerto un intrattenimento curato e studiato per permettere ai genitori di affidare ad animatrici esperte e professionali i propri figli più piccoli (età massima 3 anni) e godersi appieno gli eventi culturali del pomeriggio;

Attività didattiche laboratoriali: ampio ventaglio di proposte didattiche dedicate ai bambini e ragazzi di ogni fascia d’età, declinate sul tema “Dai un senso a quello che hai”;

Nursery_ Bimbo Point: uno spazio attrezzato per cambiare e nutrire i propri bebè in totale tranquillità, un passo in più perché il Parco sia effettivamente a misura di bambino;

Giochi per crescere: aree ad accesso gratuito studiate per i bambini con scivoli, giochi gommosi, ponti tibetani e a piramide, una funivia a pendolo e, all’interno del “Parco dei folletti”, un castello in legno e un vascello dei pirati: giochi per i quali, tenendo conto della messa in sicurezza degli impianti, è stata utilizzata una pavimentazione anti trauma in granulato di gomma, rivestimento con capacità ammortizzanti;

Attività per i pubblici speciali: sono previste visite guidate e personalizzate tra le opere del Parco Internazionale della Scultura, dedicate ai diversamente abili;

Trasporti: per agevolare lo spostamento del solo pubblico speciale saranno disponibili veicoli elettrici. Inoltre verranno attivate convenzioni con AMC e ditte private per l’istituzione di navette per raggiungere il parco dal multipiano di via Gioacchino da Fiore messo a disposizione gratuitamente. A disposizione i parcheggi del presidio “Ciaccio” e nei pressi del Cimitero, oltre che corse autobus gratuite.

Un’altra particolarità dell’iniziativa di quest’anno è stata, infine, spiegata dal promoter Senese: gli spettacoli di grande qualità musicale sono tutti gratuiti, ma gli spettatori avranno dei tagliandi per la verifica del gradimento, e per permettere all’organizzazione di registrare dati certi relativi alla partecipazione.

Ultima modifica il Mercoledì, 14 Settembre 2016 13:04

Social